Enciclopedia delle
lavorazioni
 
  • Informazioni sui processi tecnologici e dei sistemi di lavorazione. Tutti possono contribuire con documentazione, che deve essere inviata a info@rioweb.it accompagnata dal nome della fonte, e se possibile al link del sito dove vi sia la possibilità di un approfondimento.
  • Lo scopo di questa mini enciclopedia è di poter dare un'aiuto a studenti che cercano informazioni sulle varie tecniche di lavorazioni. Vuole essere solo un'inizio per poter poi ricercare, altre fonti di approfondimento.
    Consigli e scritti per poter dare un valido aiuto agli utenti sarà ben accetto.

LAVORAZIONE METALLI COMUNI

  • LAVORAZIONE DEL FERRO BATTUTO

    Lavorazione del ferro a caldo: la forgiatura:
    La forgiatura è una fase di lavorazione importante e irrinunciabile che è rimasta nella
    sostanza immutata nei secoli.
    Per eseguire la forgiatura è fondamentale essere in possesso del necessario ovvero di
    una forgia o di un forno, pinze, incudini con martelli di vario peso e mazze per poter
    battere anche in due o tre persone, eventualmente un maglio.
    La forgiatura o fucinatura del ferro avviene ancora usando carbone di legna anche se il
    fuoco viene alimentato sovente da una ventola azionata elettricamente, mentre in
    origine la fiamma veniva tenuta viva da un mantice azionato a mano. La barra di ferro
    resa rovente dal fuoco diventa abbastanza tenera da poter essere sagomata secondo
    la volontà dell’artigiano, che, movendola tra incudine e martello, la colpisce
    ripetutamente con ritmo scandito fino ad ottenere la forma desiderata.
    La forgiatura richiede pratica, manualità, pazienza ed energia ed essenzialmente la
    capacità di usare con precisione il martello. Attraverso la forgia si ottengono tutte le
    forme ornamentali del ferro, come foglie, fiori, punte, terminali di volute, riccioli, ma
    anche attrezzi, coltelli, forbici, scuri, scalpelli, e naturalmente ferri di cavallo. L’artigiano
    esperto sa riconoscere dal colore del ferro rovente la temperatura più appropriata, non
    solo per la modellatura del pezzo, ma soprattutto per le operazioni di saldatura a fuoco
    (bollitura) e per la tempra degli attrezzi.

  • Tempra

    E’ un procedimento che dona maggiore durezza al metallo e consiste nel raffreddare in
    modo repentino il pezzo di ferro o di acciaio dopo che, a seguito della lavorazione
    subita, ha assunto la forma desiderata. E’ principalmente eseguita per la realizzazione
    di attrezzi da lavoro, da taglio e stampi, e può essere eseguita ad acqua, ad aria o ad
    olio, a seconda del materiale usato e della durezza da raggiungere.
    L’esecuzione ed il controllo della tempra tramite forni che ne regolano tempi e
    temperature di riscaldamento e di raffreddamento rientra in un procedimento industriale
    estraneo alla sensibilità empirica dell’artigiano.

  • Lavorazione del ferro a freddo

    Non occorre scaldare tutto il ferro per lavorarlo; grazie alla sua esperienza, il fabbro
    esperto sa come sagomare la lamiera o le volute anche a freddo, con l’ausilio di
    attrezzi fatti in proprio, sagome e leve.
    Molti particolari di eleganti manufatti sono in lamiera sottile o latta e completamente
    martellati e sagomati a freddo con l’ausilio di martelline e tasselli di legno o piombo.
    Anche la centina di barre di ferro e la curvatura di volute viene eseguita a freddo
    tramite sagome, leve e denti a U, così come la torsione delle barre stesse.
    Spesso a freddo vengono eseguite anche particolari lavorazioni di modellatura come
    quelle accennate qui di seguito:

    Martellatura
    Tecnica con la quale una superficie metallica liscia viene decorata semplicemente
    producendovi una trama di sfaccettatura mediante file sovrapposte di colpi martello.
    Una sfaccettatura poca profonda si ottiene dando colpi leggeri e usando una superficie
    di appoggio dura; sfaccettatura più accentuate e profonde sono indice di una
    martellatura più forte e di superfici di appoggio più morbide.

    Cesellatura
    Consiste nell’incidere un determinato motivo sulla superficie superiore di un oggetto
    metallico. Il disegno viene ottenuto con un cesello profilatore battuto in maniera leggera
    e regolare con un apposito martello, così da lasciare per compressione, un solco
    continuo più o meno uniforme.

    Sbalzo
    Tecnica simile alla precedente: la decorazione è ottenuta in maniera analoga, ma
    lavorando un foglio di metallo dal retro, in modo da far sporgere i rilievi sul davanti.
    E’ una tecnica particolarmente usata nella lavorazione del rame e altre leghe più
    morbide.


  • Più info su http://www.regione.piemonte.it/artig/eccellenza/dwd/disc_metalli.pdf
 
 
 
Home page ||