Enciclopedia delle
lavorazioni
 
  • Informazioni sui processi tecnologici e dei sistemi di lavorazione. Tutti possono contribuire con documentazione, che deve essere inviata a info@rioweb.it accompagnata dal nome della fonte, e se possibile al link del sito dove vi sia la possibilità di un approfondimento.
  • Lo scopo di questa mini enciclopedia è di poter dare un'aiuto a studenti che cercano informazioni sulle varie tecniche di lavorazioni. Vuole essere solo un'inizio per poter poi ricercare, altre fonti di approfondimento.
    Consigli e scritti per poter dare un valido aiuto agli utenti sarà ben accetto.

Deutsches Museum
    DOCUMENTAZIONI IN FORMATO PDF.

  • Le grotte di Altamura
    Nel 1879, fu scoperta la prima grotta con i dipinti dell’Età della Pietra ad Altamira nella Spagna
    Settentrionale. In quel periodo non si riteneva che fosse così antica come noi oggi sappiamo, quasi
    15.000 anni. L’influenza delle teorie darwiniane indusse gli scienziati a credere che l’uomo
    primitivo somigliasse alla scimmia e quindi fosse incapace di mostrare capacità intellettuali o atti di
    creatività artistica. Così i dipinti di Altamira furono immediatamente dichiarati falsi. Solo dopo la
    scoperta di altre grotte dell’Età della Pietra, i cui dipinti poterono essere datati sulla base della loro
    relazione con scoperte archeologiche, e di ulteriori ricerche, furono infine confermati originali.
    Dipinto sul soffitto della grotta di Altamira.
  • http://www.deutsches-museum.de/ausstell/dauer/ital/i_altam.pdf
  • MINIERE - costruzione di un pozzo
    Il settore dell’industria mineraria è, relativamente allo spazio, uno dei più vasti del Deutsches
    Museum. La visita, che è estremamente suggestiva, ha la durata di circa un’ora. Numerosi ambienti
    tratti dalla storia delle miniere sono stati ricostruiti fedelmente. Su un percorso lungo circa 900
    metri, che attraversa varie gallerie di miniere, sono rappresentati i diversi procedimenti e le diverse
    tecniche dell’industria mineraria: la costruzione di pozzi; il rilevamento di miniere; le miniere di
    metallo, sale e carbone; lo scavo a cielo aperto (estrazione di lignite). Spazi separati sono dedicati
    ad arnesi artigianali e macchine usati nell’industria mineraria, alla preparazione del metallo e alla
    raffinazione del carbone.
  • http://www.deutsches-museum.de/ausstell/dauer/ital/i_mining.pdf
  • Agricoltura e alimentazione -Tecnologia agraria e alimentare
    Agricoltura è il termine usato per descrivere l’uso economico del suolo attraverso la coltivazione e
    la piantumazione (= tecnologia agraria) e l’allevamento del bestiame allo scopo di produrre cibo e
    materie prime.
    Le attività sussidiarie che sono emerse dall’agricoltura e che sono ad essa correlate, come l’industria casearia, molitoria, della birra, della distillazione e la raffinazione dello zucchero, fanno tutte parte della tecnologia alimentare. Secondo gli ultimi ritrovamenti archeologici nella valle del fiume Nilo, gli esseri umani fecero il primo passo verso l’agricoltura, verso una coltivazione sistematica, nell’Età Paleolitica (o della pietra antica - 16.000 a. C.).
    Essi passarono dalla caccia e dalla raccolta - da un’economia di sfruttamento - alla coltivazione - a
    un’economia di riproduzione. L’allevamento del bestiame - nel modo in cui viene praticato ancora oggi presso i popoli nomadi - è considerevolmente più antico al confronto.
  • http://www.deutsches-museum.de/ausstell/dauer/ital/i_agrar.pdf
  • La carta
    La carta è un feltro di fibre di cellulosa delle piante. La coesione delle fibre è basata su un dispositivo di blocco meccanico e su legami chimici (ponti di idrogeno). La resistenza della carta alla trazione può superare quella del comune acciaio per costruzioni.
  • http://www.deutsches-museum.de/ausstell/dauer/ital/i_paper.pdf
  • Meccanica dei solidi
    I bisogni del lavoro quotidiano hanno costretto presto l’uomo a servirsi dei principi della fisica, pur non
    avendone una chiara comprensione. Le leve semplici e il piano inclinato sono stati i primi strumenti dell’uomo. Viti usate come meccanismi di guida e pulegge furono aggiunte solamente nell’antica Grecia. La credenza che l’uomo fosse capace di sopraffare la natura (di qui l’origine della parola “meccanica” in greco) persistette per molto tempo.
    Una delle scoperte che ha anticipato l'era moderna fu realizzata con il dato che era possibile, tramite una macchina, alzare un carico pesante con poca forza, a condizione che la distanza coperta dalla forza venisse aumentata in modo corrispondente, così che il lavoro svolto fosse lo stesso, come se il carico fosse stato alzato direttamente. Questa fu una scoperta che venne estesa alla legge generale, nota come il "principio della conservazione dell’energia" (XIX secolo), legge che ha guadagnato un’importanza fondamentale nel campo della fisica e della tecnologia.
    Una parte decisiva nell'evoluzione della meccanica verso le scienze matematiche fu giocata da Galileo
    (agli inizi del XVII secolo). Nel 1687 Isaac Newton introdusse una sistema di idee riguardanti la meccanica che ebbe un’influenza decisiva sulla civiltà europea del XVIII e XIX secolo. Questa teoria divenne un punto di riferimento per tutti i successivi tentativi di approfondire la conoscenza scientifica della natura. Così la matematica divenne il fondamento della fisica.
    La teoria della meccanica dei solidi parte dal presupposto che gli atomi siano connessi rigidamente
    tra di loro. Nelle sale seguenti di questa sezione gli elementi della meccanica e le loro relazioni sono
    spiegati da semplici esperimenti. Le grandezze fisiche fondamentali sono: massa, lunghezza, tempo.
    Tutte le altre grandezze, come la forza, il lavoro, l’energia, sono combinazioni di queste grandezze
    fondamentali.
  • http://www.deutsches-museum.de/ausstell/dauer/ital/i_physik.pdf
 
 
 
Home page ||